Home / Cultura ed Arte / Il fulmine austro ungarico
getImage

Il fulmine austro ungarico

Cosa rappresentarono per l’Asinara quegli accadimenti che ne sconvolsero così pesantemente la fisionomia, fatti che, dopo il coinvolgimento nello sforzo bellico di moltissimi paesi, presero il nome di prima guerra mondiale?
Che significò per l’isola l’avvento di un conflitto armato che interessò le principali potenze mondiali e molte di quelle minori tra il luglio del 1914 e il novembre del 1918.
Il libri di storia ci hanno detto che, quella del ’15-’18 fu chiamata inizialmente dai contemporanei “guerra europea” poi, con il coinvolgimento successivo delle colonie dell’Impero britannico e di altri paesi extraeuropei tra cui gli Stati Uniti d’America e l’Impero giapponese, mutò il suo nome in “guerra mondiale” o anche “Grande Guerra“: fu infatti il più grande conflitto armato mai combattuto fino alla seconda guerra mondiale[1].

Un fermo immagine della prima pagina de La Stampa di lunedì 24 maggio 1915

Un fermo immagine della prima pagina de La Stampa di lunedì 24 maggio 1915

Non pretendiamo di insegnare nulla a nessuno, ma aiutandoci con le fonti disponibili, dobbiamo purtuttavia inquadrare il periodo storico entro cui ebbero luogo gli avvenimenti così importanti e così rapidi da aver meritato il titolo di questo pezzo ovvero “fulmine austro ungarico” per giungere a rappresentare, con semplici concetti, gli accadimenti.

IL PERIODO STORICO

Il conflitto ebbe inizio il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell’Impero austro-ungarico al Regno di Serbia preceduta dall’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo – Este, avvenuto il 28 giugno 1914 a Sarajevo.
A causa del sottile gioco di alleanze formatesi negli ultimi decenni del XIX secolo, la guerra vide schierarsi le maggiori potenze mondiali, e rispettive colonie, in due blocchi contrapposti: da una parte gli Imperi centrali (Germania, Impero austro-ungarico e Impero ottomano), dall’altra gli Alleati rappresentati principalmente da Francia, Regno Unito, Impero russo e, dal 1915, Italia.
Oltre 70 milioni di uomini furono mobilitati in tutto il mondo (60 milioni solo in Europa) di cui oltre 9 milioni caddero sui campi di battaglia; si dovettero registrare anche circa 7 milioni di vittime civili, non solo per i diretti effetti delle operazioni di guerra, ma anche per le conseguenti carestie ed epidemie[1].

Una di queste epidemie riguardò proprio i prigionieri austro ungarici che dal porto di Valona raggiunsero l’Asinara. Abbiamo già scritto del tremendo viaggio a piedi, intrapreso dai serbi che spingevano davanti a loro le decine di migliaia  di prigionieri austro ungarici.

I TEMPI E I NUMERI

– da Nish (Serbia) a Valona
il 6 ottobre 1915 Austria, Germania e Bulgaria attaccano massicciamente la Serbia e la sconfiggono. L’esercito serbo fugge portando con se 50.000 prigionieri tra cui ci sono anche soldati italiani. Una massa di persone, che alcuni storici stimano in 70.000 si incamminano senza cibo, tra la neve, per 77 giorni andando verso sud, verso il porto di Valona in cui arrivano solo in 30.000.

Già a Valona ed a causa della lunghissima traversata intrapresa in condizioni disumane, i prigionieri erano giunti avendo contratto il colera, ma la maggioranza dei decessi sui piroscafi e nell’isola dell’Asinara avvennero per differenti cause, come riporta puntigliosamente la “Relazione del Campo di prigionieri colerosi all’isola dell’Asinara” del Generale Ferrari.
Inizialmente i decessi furono dovuti a forme di infezioni intestinali, nefriti, malattie cardiache e dell’apparato respiratorio, nonché al grave esaurimento organico dovuto alla traversata da Nish (Serbia) a Valona.

Aldo Carpi

Aldo Carpi

I “FANTASMI” nudi, scalzi, intirizziti,  “LA COLONNA DI PRIGIONIERI”

Molti di coloro che, all’epoca raccontarono questa immensa tragedia, utilizzarono termini terrificanti per descriverne lo svolgimento.

Immagino questo immenso sciame di formiche che lentamente si svolge, lacero ed affamato, si trascina su terreni impervi, supera grandi pozze di fango, privazioni, percorre strade appena battute e ricoperte di neve …. un’orma di morte che lascia dietro di se la bava di cadaveri appena abbozzati, una scia nera di uomini stremati.
Si cibano di ogni cosa,  carne delle carogne di animali morti, bevono l’acqua delle pozzanghere melmose, qualcuno riferisce di episodi di antropofagia (Eugenia Tognotti – La Nuova di Sassari 23.01.2014)

Poi, giunti finalmente a Valona, si imbarcano sui piroscafi che prendono il largo alla volta dell’Asinara.

Foto di Ivan Chelo

Foto di Ivan Chelo

All’ASINARA

Il 18 dicembre 1915 getta l’ancora nella rada di Cala Reale il Piroscafo “Dante Alighieri” con i primi 1.995 prigionieri austro – ungarici, il natante viaggia assieme al Piroscafo America con 1.721 prigionieri ed un Cacciatorpediniere di scorta.
Dopo il primo comprensibile momento di sbandamento, dovuto al numero di persone (3.716) giunte all’Asinara ed in attesa di sbarco, le strutture predisposte dall’Italia si attivarono per definire il sistema di accoglienza atto a ridurre, il più possibile, il disagio dei prigionieri.

prigionieri etnieSia la composizione etnica di quell’insieme che chiamiamo, per convenzione, “prigionieri austro-ungarici”, che le radicate convinzioni religiose (prospetto successivo) furono in grado di complicare notevolmente la vita, non certo semplice, negli accampamenti e nelle strutture sanitarie.

religioni prigionieri

Scrive Angelo Flavio Corridi sulla convivenza di varie etnie all’interno dei campi di prigionia:

Appena le forze tornavano ai prigionieri si ridestavano fra loro gli odi di razza e bisognò per forza dividere dagli austriaci, i turchi ed i bulgari e fare dei reparti separati per gli ebrei e gli zingari.
La nostra delicatezza arrivò al punto da fare, poi, dei ranci separati, per non urtare le suscettibilità religiose delle diverse razze e perché alle cure spirituali loro destinate, insieme ai cimiteri, sorsero delle cappelle ed il rappresentante del Papa, in persona di mons. Cassani, arcivescovo di Sassari, non mancava di venire quasi ogni giorno a sorvegliare i campi
.

(Vedetta di Fiume, 13 gennaio 1924)

Gli strascichi dolorosi di questo periodo furono destinati a perdurare negli anni.
Quello che accadeva sull’isola dell’Asinara lo scopriremo esaminando documenti dell’epoca nel prossimo pezzo

 

Aldo Carpi - Arrivo di prigionieri a Valona

Aldo Carpi – Arrivo di prigionieri a Valona

 

[1] Fonte Wikipedia
[2]    Aldo Carpi (6.10.1886 – 27.03.1973) le opere pittoriche qui riportate sono del notissimo pittore milanese, direttore dell’Accademia di Brera e deportato per antifascismo nei lager di Mauthausen e Gusen, da cui riportò anche un diario e una serie di disegni, molto rinomati a Milano.

 

 

carlo hendel

Carlo nasce nei primi mesi del '50 e trascorre la sua infanzia a Roma, nella zona centrale della capitale, a “due minuti a piedi” da Piazza di Spagna. Di padre polacco e con la mamma abruzzese, Carlo aveva un fratello in Polonia, ed ha tre sorelle: una in Polonia e due in Italia. All'età di 22 anni si trasferisce nel paesino abruzzese di Barete e vi svolge attività libero-professionale per circa dieci anni. Consegue la nomina, da parte del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Direzione Agrozootecnica della Casa di Reclusione dell'Asinara, evento che lo farà incontrare con l'isola e con la Sardegna. Vive e lavora con passione all’Asinara, per circa cinque anni, dal 1982. Alla vigilia della trasformazione dell’isola in Parco, partecipa come coautore, al volume “ASINARA” Storia, natura, mare e tutela dell’ambiente (Delfino Editore 1993) curato da A. Cossu, V. Gazale, X. Monbaillu e A. Torre, per la parte riguardante la Storia agricola e l’ordinamento carcerario. ------------------------------------------------------------------------------ L'Asinara non sarà più dimenticata. Blogger dal 2000 sotto vari pseudonimi, e con svariati blog. Nel 2007 pubblica una nota "L'Asinara - La storia scritta dai vincitori" con la quale, per la prima volta, rivendica per l'isola il suo "diritto inalienabile alla storia". Nel 2016 pubblica questo portale personale investendo notevoli energie e risorse solo con l'intento divulgativo e per testimoniare la storia dell'isola senza preconcetti o preferenze, per tutti i periodi e le vicissitudini attraversati dall'Asinara. Prosegue la sua attività lavorativa prima a Castelfranco Emilia (MO), poi a Roma (D.A.P.) ed infine a Viterbo ove maturerà il tempo della agognata quiescenza. All'età di 59 anni la sua vita cambia in modo importante, ma non è questa la sede propria di siffatta narrazione. -------------------------------------------------------------------------------------- Si definisce, da sempre, un ecoagricoltore e ancora oggi, produce olio biologico extravergine di oliva per autoconsumo, coltiva il suo orto con metodi esclusivamente naturali ed alleva animali da cortile. Carlo spesso ama dichiarare di aver avuto cinque o sei vite, ora ha due splendidi nipotini ed un diavolo per capello! Il resto lo lasciamo ai posteri......

1 Commento

Scrivi il tuo commento