Home / Emozioni incontri / L’agave smozzicato
60013330_2772526259639696_2218501696743538688_n

L’agave smozzicato

Credo siano interessanti le notizie che leggeremo in questo pezzo, interessanti sopratutto per coloro che vogliono conoscere e capire i fatti che hanno interessato la nostra bell’Asinara e per coloro che svolgono un servizio di informazione turistica ai visitatori.
La recente manifestazione dei Monumenti aperti 2019 svoltasi il 12 maggio nell’isola dell’Asinara ha visto riaprire, per un giorno, installazioni già conosciute almeno in parte nel paesello di Cala d’Oliva.
I visitatori hanno lasciato libera la loro voglia di immortalare ogni singolo aspetto della vita di una volta e mi sono reso conto della difficoltà di esplicitare compiutamente gli oggetti fotografati e le loro funzioni.
Il Caseificio, il Bunker, Il Transito nuovo, la Chiesetta dell’Immacolata Concezione, la ex Foresteria Nuova, l’Osservatorio della Memoria sono stati presi d’assalto ed i ragazzi delle scuole, eccezionali, hanno avuto il loro bel “da fare” per soddisfare le curiosità dei visitatori.
60268439_2772526289639693_7556655285528428544_nLa nostra carissima Rosy Rassu, che ringrazio con affetto sincero,  ha inviato nella pagina fb, preziose immagini che hanno commosso tutti permettendoci di essere presenti tutti sull’isola, qualcuno lo ha anche scritto.
La foto che mi ha emozionato è quella che che è rappresentata dal titolo di questo articolo, una di quelle che una Rosy emozionata ha scattato dal balcone della Foresteria Nuova (ora Caserma che poco senso ha di restare tale) e quell’agave smozzicato, mi ha fatto tenerezza ed ha avuto il magico potere di riportarmi indietro negli anni, al periodo in cui i due Giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino furono in quei luoghi…….. e videro quelle immagini da quel balcone aperto sull’immensità della bellezza del Golfo dell’Asinara, ma quell’agave non c’era….. c’era solo l’isola ad ascoltare pudica i loro timori inconfessabili, le paure dei figli, il terrore delle mogli.
Ricordo anche il rispetto con il quale gli abitanti dell’epoca subirono le severe restrizioni dovute da quella eccezionalità e l’affetto sincero che manifestarono alle famiglie 60286168_2772526329639689_7317732482554527744_ndei Giudici e a loro stessi.
Ho poi guardato i visi di coloro che erano in visita nel salone e che ascoltavano le parole del giovane “cicerone” ed ho pensato e scritto che non basta solo ricordare, serve anche ragionare su quel periodo e sulle misure da prendere perché questa modalità di vita mafiosa, possa essere estirpata definitivamente dalla nostra società.

 

Ho pensato al tempo che è trascorso e alla famosa agenda di Paolo Borsellino che ancora non è stata ritrovata e questo mi addolora…

 

Poi però sono intervenute altre immagini della giornata ed in particolare quegli strumenti specifici, tabelle con nomi singolari……. il 100.

Ma cosa è questo 100?

Ecco una scheda che tenta di rendere leggibile la tabella…..

il 100

Art. 21    (Lavoro all’esterno)

  • I detenuti …….. possono essere assegnati al lavoro all’esterno in condizioni idonee a garantire l’attuazione positiva degli scopi previsti dall’art. 15. – Omissis-.
  • I detenuti …….. assegnati al lavoro all’esterno sono avviati a prestare la loro opera senza scorta, salvo che essa sia ritenuta necessaria per motivi di sicurezza. – Omissis-.

LAVORO PENITENZIARIO INTRAMURARIO (Lavoro alle dipendenze dell’amministrazione penitenziaria)

  • Omissis 
  • i lavori delle colonie e dei tenimenti agricoli che occupano detenuti e internati con varie specializzazioni, come apicoltori, avicoltori, mungitori, ortolani.
  • i lavori domestici cioè le attività necessarie al funzionamento della vita interna dell’istituto, tra cui:
    • i servizi d’istituto– attività di cuochi e aiuto cuochi, addetti alla lavanderia, porta vitto, magazzinieri
    • i servizi di manutenzione ordinaria dei fabbricati(MOF), cui vengono assegnati detenuti con competenze più qualificate (acquisite anche a seguito di corsi professionali interni) come elettricisti, idraulici, falegnami, riparatori radio – tv , giardinieri, imbianchini.
    • alcune mansioni retribuite dall’amministrazione, esclusive dell’ambiente penitenziario. Tra cui
      • lo scrivano, addetto alla compilazione di istanze e alla distribuzione di moduli
      • l‘assistente alla persona, assistente di un compagno ammalato o non autosufficiente
      • l’addetto alle pulizie
      • l’ addetto alla distribuzione pasti       Omissis 

(Gli Omissis sono stati inseriti per evitare l’appesantimento della trattazione)

Ma il visitatore interessato ha rivolto domande anche riguardo un altro tabellone variopinto che faceva bella mostra di se ed ecco riportato anche quello in schema ed in fotografia come il precedente.

tabellone (hendel)

Si noti che i cartoncini colorati erano mobili e venivano spostati manualmente, dall’agente che compiva l’operazione, dalla parte destra della colonna in cui erano posizionate le celle detentive, alla sinistra nelle caselle che rappresentavano l’uscita all’esterno della Diramazione per svolgere attività di lavoro o colloquio o altro.
Un particolare ringraziamento a Leonardo Delogu per il suo contributo essenziale alla comprensione delle tabelle, ma Leonardo è interessato anche all’argomento successivo che riguarda il sistema delle trasmissioni vigente nella Casa di reclusione dell’Asinara.

Trasmissioni

Il sistema di trasmissione, di tutti i tipi sia telefoniche che radiofoniche, era ovviamente “riservato” poiché le comunicazioni, che transitavano attraverso il doppino telefonico o l’etere, dovevano essere protette dall’ascolto da parte di estranei all’Amministrazione e/o malintenzionati.

Iniziamo con l’esporre l’architettura del sistema telefonico che era semplicemente collegato direttamente con tutte le Diramazioni e con l’esterno, attraverso due Centralini telefonici, uno ubicato al piano terra della Direzione, l’altro nel fabbricato nella Piazzetta centrale di Cala d’Oliva di cui si dirà con maggiori particolari. Entrambi avevano la possibilità di accesso al sistema telefonico esterno alla struttura penitenziaria.
Purtroppo l’accumulo di salsedine lungo la linea telefonica durante l’inverno e il vento forte proveniente da ogni quadrante, causavano frequenti interruzioni nel servizio.
Al centralino della Direzione vi prestava servizio il personale civile del Ministero di G. e Giustizia, (A. Cozzzolino –  P. F. Griecco) mentre nel Centralino – Armeria, che aveva la gestione della trasmissione radio, vi prestava servizio (h 24)  il personale prima militare (Agenti di Custodia), divenuto poi Polizia Penitenziaria.

Il punto nodale del sistema di trasmissione, via radio (del tipo a raggiera), era il complesso radio ricetrasmittente esistente nel fabbricato denominato “Centralino”, il locale che, nella sua parte retrostante, ospitava l’armeria dell’Istituto, dotata di appositi sistemi protettivi.trasmissioniOgni punto radio era indicato con un numero specifico e/o un nome in codice ed il personale all’apparato interpellato rispondeva alla chiamata con analoga terminologia specifica.

Il nome dei punti radio derivava dalla fantasia o da fatti occorsi o da caratteristiche specifiche del luogo, ad esempio Trabuccato era denominato “Vigna” in codice, in ricordo delle vigne che caratterizzavano la Diramazione.

Racconta l’amico Fausto Murru che la denominazione “America“, data alla Diramazione di Fornelli, fù dovuta al fatto che vi prestasse spesso servizio il Brig. Pastorello che ogni anno, avendo familiari in America vi trascorreva tutta la licenza e al suo ritorno, per mesi, narrava agli amici le sue vicissitudini ed impressioni riportate nel continente americano.

Naturalmente sia l’elenco dei nomi del sistema di trasmissione, che i numeri, variavano nel corso degli anni e in relazione alle esigenze di servizio. Il sistema veniva comunicato ufficialmente a tutto il personale in servizio con Ordine di Servizio della Direzione. Anche le più piccole variazioni intervenute, ad esempio possiamo aggiungere che il Personale di Polizia Penitenziaria, in servizio di vigilanza a piedi e a cavallo, era dotato di ricetrasmittente collegata con il centralino al quale prontamente comunicava eventuali segnalazioni.

La postazione collocata al Ponte Radio, da cui si poteva visionare l’intero profilo dell’isola, era collegata dalla radio ricetrasmittente dell’Agente in servizio.

Altro importante punto di collegamento era l’infermeria, ubicata sempre nella Piazzetta di Cala d’Oliva, dove il medico svolgeva il suo servizio coadiuvato dall’infermiere.

Il Centralino-armeria era il regno di servizio del nostro amico Leonardo Delogu al quale, oltre al mio grazie, và un affettuoso e sincero saluto.

10710449_848123438545147_3396353916122469751_o
Ora, con questa bella immagine di Leonardo seduto sulla panchina di Cala d’Oliva accanto al figlio Gabriele, immagine scattata 26 anni dopo quella all’interno del centralino, l’articolo è completo.
Carlo
Leonardo e Gabriele 2016

carlo hendel

Carlo nasce nei primi mesi del '50 e trascorre la sua infanzia a Roma, nella zona centrale della capitale, a “due minuti a piedi” da Piazza di Spagna. Di padre polacco e con la mamma abruzzese, Carlo aveva un fratello in Polonia, ed ha tre sorelle: una in Polonia e due in Italia. All'età di 22 anni si trasferisce nel paesino abruzzese di Barete e vi svolge attività libero-professionale per circa dieci anni. Consegue la nomina, da parte del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Direzione Agrozootecnica della Casa di Reclusione dell'Asinara, evento che lo farà incontrare con l'isola e con la Sardegna. Vive e lavora con passione all’Asinara, per circa cinque anni, dal 1982. Alla vigilia della trasformazione dell’isola in Parco, partecipa come coautore, al volume “ASINARA” Storia, natura, mare e tutela dell’ambiente (Delfino Editore 1993) curato da A. Cossu, V. Gazale, X. Monbaillu e A. Torre, per la parte riguardante la Storia agricola e l’ordinamento carcerario. ------------------------------------------------------------------------------ L'Asinara non sarà più dimenticata. Blogger dal 2000 sotto vari pseudonimi, e con svariati blog. Nel 2007 pubblica una nota "L'Asinara - La storia scritta dai vincitori" con la quale, per la prima volta, rivendica per l'isola il suo "diritto inalienabile alla storia". Nel 2016 pubblica questo portale personale investendo notevoli energie e risorse solo con l'intento divulgativo e per testimoniare la storia dell'isola senza preconcetti o preferenze, per tutti i periodi e le vicissitudini attraversati dall'Asinara. Prosegue la sua attività lavorativa prima a Castelfranco Emilia (MO), poi a Roma (D.A.P.) ed infine a Viterbo ove maturerà il tempo della agognata quiescenza. All'età di 59 anni la sua vita cambia in modo importante, ma non è questa la sede propria di siffatta narrazione. -------------------------------------------------------------------------------------- Si definisce, da sempre, un ecoagricoltore e ancora oggi, produce olio biologico extravergine di oliva per autoconsumo, coltiva il suo orto con metodi esclusivamente naturali ed alleva animali da cortile. Carlo spesso ama dichiarare di aver avuto cinque o sei vite, ora ha due splendidi nipotini ed un diavolo per capello! Il resto lo lasciamo ai posteri......

Scrivi il tuo commento