Home / Pensiero / Fantasie / Claude Monet al Castellaccio
monet a roma 27 dic 2017 - 1

Claude Monet al Castellaccio

Stendhal, uno scrittore francese, visitando Firenze, scrisse:
Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati.
Uscendo da Santa Croce, ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere.”
In realtà Stendhal era lo pseudonimo di Marie-Henri Beyle (1783-1842)

Un pensiero curioso, stuzzica la mia inappagabile ed incurabile malattia e prende avvio dalla visita di tre giorni fà (27.12.2017), della mostra di sessanta opere del fondatore dell’impressionismo francese Claude Monet (Parigi 1840 – Giverny 1926) un pittore che, oltre ad averlo fondato, fu certamente l’artista più coerente e prolifico dell’interessante movimento.
La mostra dell’artista francese, fervidamente consigliata, si tiene a Roma nel Complesso del Vittoriano (Altare della Patria).

I lavori di Monet si distinguono per la rappresentazione della sua immediata percezione dei soggetti, in particolar modo per quanto riguarda la riproduzione artistica della natura nelle sue accezioni più differenti ed un’altra caratteristica peculiare è la sua pittura dal vivo denominata “en plein air” (all’aria aperta).
Famosissime le sue meravigliose ninfee rosa conosciute ai più.

Autoritratto di Monet da giovane

Autoritratto di Monet da giovane

Davanti all’olio denominato “la barca a vela”, la famosa sindrome di Stendhal, di cui ho parlato in apertura, si è fatta quasi tangibile. “La barca a vela” è un’opera di bellezza struggente, ricolma di sensazioni, un quadro che ho fotografato e che ho voluto inserire all’inizio del pezzo.
Dicevo che d’innanzi a questo capolavoro mi sono bloccato e, dopo aver cercato di scorgere, dalle singole pennellate dell’artista, la storia dell’opera e la sua genesi, mi sono sorpreso a pensare:
“ma se l’eccelso pittore Claude Monet fosse venuto all’Asinara, cosa mai avrebbe potuto dipingere?“.
Cosa avrebbe provocato, nella mente artistica di un pittore di siffatta bravura, la visione di paradisi che noi, ancor oggi stentiamo a comprendere, tanta è la grandezza della loro unicità e la bellezza quasi assoluta?
Quali sembianze avrebbe potuto avere un quadro di Monet nel rappresentare un luogo suggestivo, tra i tanti che vi sono all’Asinara?

Claude Monet, nella località di Giverny in Normandia in cui trascorse quarantatré anni della sua vita, fece costruire un giardino che definirejardin de Monet meraviglioso è poco. In quel giardino il pittore realizzò una moltitudine innumerevole di opere pittoriche, con scorci ed inquadrature sempre ineguali, senza mai stancarsi, opere tutte emozionanti  per l’osservatore.

Ho quindi lasciato che la mente assecondasse i pensieri, andando indietro nel tempo ed ho immaginato un trentenne Francesco Massidda, (sicuramente lo ricorderete)  quella persona che, provenendo da una famiglia agiata, ha

Francesco Massiddaintrapreso all’Asinara un’attività imprenditoriale di tutto rispetto che, seduto alla scrivania del suo esercizio commerciale, nel mese di febbraio (a.d.1890), scrive una lettera accorata al maturo ed affermato Claude Monet, di cui ha molto sentito parlare, per invitarlo a trascorrere qualche settimana sull’isola:

” Ecc.mo Maestro,
La prego di voler accettare il mio invito a trascorrere un periodo di tranquillità nell’isola in cui lavoro con la mia famiglia. Durante la Sua permanenza sarà mia premura farLe visitare luoghi eccezionali dell’Asinara.”

Francesco è convinto che il pittore Monet, massimo cultore del bello dell’epoca, possa liberare tutto il suo estro artistico d’innanzi agli incredibili monumenti naturalistici che si possono osservare sull’isola.

Claude Monet a Giverny

Claude Monet a Giverny

Poi assisto ai frenetici preparativi di accoglienza e vedo l’arrivo del Maestro a Cala Reale, accompagnato dalla numerosa famiglia e, dopo un breve riposo, mi gusto il primo incontro tra Monet e l’Asinara.
Francesco Massidda infatti fa preparare due carrozze, intenzionato a raggiungere la spiaggia di Sant’Andrea che si annuncia, da lontano, con il colore turchese del mare, riflesso del cielo illuminato da un sole splendente.

E’ il mese di maggio, le prime, rade cicale friniscono preannunciando l’estate, calda come non mai. Nell’aria tersa si spandono i mille profumi inebrianti dell’isola sovrastati dall’odore acre dell’elicriso che sta per esplodere in ripetute fioriture.


Agli occhi di Claude Monet il brillar del mare, deve aver avuto l’effetto di una esplosione e, mentre il giovane Francesco Massidda illustra agli ospiti le particolarità ed i nomi delle località, il maestro perentoriamente porta un dito sulle labbra e senza emettere alcun suono socchiude gli occhi…..

Ricordo del bosco di Elighe Mannu

Ricordo del bosco di lecci di Elighe Mannu  (un’opera di Claude Monet)

Il verde scuro dei giunchi si stempera nel turchese dell’acqua dello stagno, mentre le giovani folaghe si rincorrono con brevi voli………

…. lo scenario è da favola ed il pittore è senza fiato!

S.Andrea (foto Pier Mario Scano)

S.Andrea – Cala Orata (foto Pier Mario Scano)

Monet sembra vacillare davanti allo spettacolo che si offre alla sua vista, e preferisce confondersi al riparo di un ginepro, si adagia di fianco ad un enorme scoglio di granito, al lato destro della spiaggia; sempre in silenzio osserva ogni minimo particolare, guarda attentamente il rotolare della sabbia che evidenzia le pagliuzze rosa di coralli e conchiglie sul bagnasciuga trasportate dal moto perenne dell’onda marina.

E’ la fine della mattinata ed pittore misura accuratamente con lo sguardo, l’incidenza dei raggi solari e gli effetti di chiaroscuro che lasciano sull’azzurro marino, sul verde brillante dell’euforbia, sul grigio della roccia granitica.
Gli ospiti sono scesi dalle carrozze a si aggirano sperduti per quel paradiso, si allontanano, forse, per prendere un bagno …. passa del tempo, chissà quanto……. poi le parole di Francesco rompono l’incantesimo e Monet finalmente si scuote, riprendono il cammino.

Un piccolo branco di mufloni osserva, da lontano, curioso, il minuscolo convoglio di carrozze che procede spedito lungo la strada polverosa.

S. Andrea (foto Ivan Chelo)

S. Andrea – stagno (foto Ivan Chelo)

Ospiti ed accompagnatori risaliti sulle carrozze, si dirigono verso il Castellaccio di Fornelli, il pittore volta lo sguardo per ammirare le pareti scoscese che scendono verso il mare si interessa a quelle forme di cespugli spinosi che non ha mai visto in nessuna altra parte del mondo e giunti a scoprire la rada di Fornelli chiede di non percorrere il viottolo sulla montagna, ma di continuare seguendo la strada e di scendere col calesse verso il pontile da dove, finalmente, volta  lo sguardo per ammirare il quadro d’insieme di presentazione dell’Asinara.

Claude Monet appare stravolto, la barba strapazzata dal vento, i capelli scomposti, come se avesse dipinto mille quadri e, voltando la testa, ora a destra, ora a sinistra ripete in continuazione due frasi “expérience unique” ovvero “esperienza unica”, “merveilleux” cioè “meraviglioso”….

l'asinara da stintino cossu 2017

 

Seguono giornate indimenticabili per il pittore e per tutto il gruppo di francesi che visitò

Claude Monet

Claude Monet

ogni angolo dell’isola; furono giorni memorabili anche per la famiglia del giovane Francesco che mai avrebbe potuto immaginare che, alla conclusione dell’anno 2017, un ardito “stregone”, affetto da una gravissima e perniciosa malattia, potesse accostare due percorsi di vita tra i più incredibili, quello di un pittore francese di prima grandezza come Claude Monet e quello di un giovane sardo di nome Francesco Massidda e con l’ausilio della miscela di spiccate sensibilità di tre ottimi “pittori con reflex”, riuscisse a realizzare un racconto che, in questa fine d’anno, potesse sperare di celebrare degnamente l’isola Asinara.

Ai gentili e pazienti lettori
bonne année 2018
Carlo Hendel

Claude Monet - Le Jardin de Giverny

Claude Monet – Le Jardin de Giverny

carlo hendel

Carlo nasce nei primi mesi del '50 e trascorre la sua infanzia a Roma, nella zona centrale della capitale, a “due minuti a piedi” da Piazza di Spagna. Di padre polacco e con la mamma abruzzese, Carlo aveva un fratello in Polonia, ed ha tre sorelle: una in Polonia e due in Italia. All'età di 22 anni si trasferisce nel paesino abruzzese di Barete e vi svolge attività libero-professionale per circa dieci anni. Consegue la nomina, da parte del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Direzione Agrozootecnica della Casa di Reclusione dell'Asinara, evento che lo farà incontrare con l'isola e con la Sardegna. Vive e lavora con passione all’Asinara, per circa cinque anni, dal 1982. Alla vigilia della trasformazione dell’isola in Parco, partecipa come coautore, al volume “ASINARA” Storia, natura, mare e tutela dell’ambiente (Delfino Editore 1993) curato da A. Cossu, V. Gazale, X. Monbaillu e A. Torre, per la parte riguardante la Storia agricola e l’ordinamento carcerario. ------------------------------------------------------------------------------ L'Asinara non sarà più dimenticata. Blogger dal 2000 sotto vari pseudonimi, e con svariati blog. Nel 2007 pubblica una nota "L'Asinara - La storia scritta dai vincitori" con la quale, per la prima volta, rivendica per l'isola il suo "diritto inalienabile alla storia". Nel 2016 pubblica questo portale personale investendo notevoli energie e risorse solo con l'intento divulgativo e per testimoniare la storia dell'isola senza preconcetti o preferenze, per tutti i periodi e le vicissitudini attraversati dall'Asinara. Prosegue la sua attività lavorativa prima a Castelfranco Emilia (MO), poi a Roma (D.A.P.) ed infine a Viterbo ove maturerà il tempo della agognata quiescenza. All'età di 59 anni la sua vita cambia in modo importante, ma non è questa la sede propria di siffatta narrazione. -------------------------------------------------------------------------------------- Si definisce, da sempre, un ecoagricoltore e ancora oggi, produce olio biologico extravergine di oliva per autoconsumo, coltiva il suo orto con metodi esclusivamente naturali ed alleva animali da cortile. Carlo spesso ama dichiarare di aver avuto cinque o sei vite, ora ha due splendidi nipotini ed un diavolo per capello! Il resto lo lasciamo ai posteri......

1 Commento

  1. Sempre un racconto avvincente, grazie!

Scrivi il tuo commento