Home / Persone / Accadimenti / Osservatorio della Memoria – Galleria fotografica
lavoratori

Osservatorio della Memoria – Galleria fotografica

AAA_5410Vedi quel ragno 
come sta cheto e romito da metter paura,
va però quella mosca sicura
e il fellone la morte gli dà.

Oh fanciullo, ne aborri l’esempio
di sì brutto e tetro animale,
non ha corna e nemmeno ha l’ale,
ma pur’esso letale sarà.

La voce della nonna stentava a svanire, l’eco risuonava nelle orecchie dei bimbi in procinto di addormentarsi……..

Fabio Bruzzichini è riuscito egregiamente e cogliere, durante la cerimonia formale dell’inaugurazione aspetti singolari, espressioni particolari e situazioni inedite come quella di Paolo Picchedda che ascolta, con interesse, l’intervista di Francesco Massidda ex Direttore della Casa di Reclusione dell’Asinara.

Con questo materiale illustrare la giornata dell’Osservatorio della Memoria è diventata per me un’occasione ghiotta per evitare, una volta per tutte, l’accusa di essere un “bacchettone” cioè (impropriamente) una persona che bada esclusivamente agli argomenti “pesanti”, “barbosi”, “seri”…..

AAA_5501

 

 

 

 

 

AAA_5515Per dare un pochino di colore a questo evento, per me coloratissimo e meraviglioso, ho pensato di sfruttare a fondo l’opera dell’amico Fabio inserendo una galleria di ritratti di singoli e di gruppi.

Il Sottosegretario alla Giustizia V. Calzolaio

Il Sottosegretario alla Giustizia V. Calzolaio

AAA_5552

Ovviamente coloro che non intendono essere ricompresi nella galleria debbono soltanto inviare un commento, o mandare un messaggio, o una mail (carlohendel@gmail.com) e le loro immagini saranno prontamente rimosse.

AAA_5545

AAA_5528

AAA_5485 AAA_5470

Dietro questa cerimonia d’inaugurazione c’erano, allineate e coperte, una serie di aspettative, su tutte quella dell’Asinara che attende che le si indichi una strada univoca da percorrere per diventare volano di sviluppo ecologicamente compatibile per tutta l’area vasta del nord Sardegna.

Alba Rosa viene presentata a Paolo Picchedda

Alba Rosa viene presentata a Paolo Picchedda

Liliana Pirisi una delle più brave fotografe presenti.

Liliana Pirisi la più brava fotografa presente.

Poi c’era quella “dell’ex“…….. ex abitante, ex direttore, ex agente di polizia penitenziaria, ex detenuto ed infine ex agronomo …..
… aspettativa di cui ho parlato nel mio breve intervento sollecitatomi dalla stessa isola alla quale mi lega un affiatamento particolare, l’Asinara che vuole comunque ricordare il passato per imboccare, con cognizione, la strada del futuro.
Perché è chiaro che, da Punta della Scomunica, qualora ci si dovesse voltare all’indietro, tra le orme lasciate dagli abitatori preistorici, dai barbari, dai pescatori di varie origini, dagli abissini, dagli austro ungarici e chi più ne ha più ne metta….  oggi sarà possibile intravvedere anche le orme lasciate da coloro che, nel periodo penitenziario, hanno gettato il loro cuore oltre l’ostacolo per riuscire a coniugare il non facile binomio dell’integrità ambientale, con il rispetto dei dettami della Costituzione italiana.

Del gruppo di giovani che ha proceduto al materiale allestimento dei locali dell’ex Diramazione, abbiamo ampiamente detto in altro articolo.

Insieme a tutto quanto sopra c’e da riconoscere “l’encomiabile caparbietà puntigliosa” del Direttore del Parco dell’Asinara Pietro Paolo Congiatu che, da molti anni, ha disposto il ricovero nel capannone dell’ex “sopravvitto”, di ogni reperto di qualche interesse rintracciato sull’isola, compresa la ormai famosissima Targa della Caserma agenti dedicata al M.llo Satta e la Stufa Giannolli di cui si auspica finalmente il suo restauro.

Una menzione a parte è dovuta a Gianmaria Deriu che con la sua assidua presenza, dal tempo della chiusura del Carcere, e quindi per venti anni ha costituito il legame, a volte flebile, a volte più consistente tra la storia trascorsa del passato penitenziario ed il presente ambientale. Occorre riconoscere a Gianmaria Deriu l’aiuto concreto sempre offerto al gruppo degli “affetti dal mal d’Asinara” dove ha trovato valide sponde.
Il ruolo che egli ricopre nella struttura del Ministero dell’Ambiente appare del tutto essenziale avendolo verificato di persona in questi due giorni di permanenza sull’isola dell’Asinara.AAA_5494 AAA_5497

DSC_0110 DSC_0090

Il patrimonio della tradizione orale è estremamente “volatile” ed evapora già dopo appena cinquant’anni, molto si è già perso della storia recente dell’Asinara, come d’altronde di quella trascorsa e non si deve assolutamente continuare in questa se si vuole andare avanti.

Da tempo Antonio Diana Vicepresidente del Parco sta aggredendo questo aspetto della carenza informativa, attraverso l’opera continua di divulgazione del Museo della Tonnara di Stintino, congiunta alla sua preziosa collana “il Tempo della Memoria” in cui l’autore ri-costruisce il tessuto storico stintinese recuperandolo, con certosina pazienza, da sflilacciate stoffe, immagini con bordi troppo sfumati, documenti sbiaditi e incredibili racconti che, in comune, hanno il sapore del mare.

Occorre quindi reinserire nei testi scritti il patrimonio della tradizione orale, traslarlo nei mezzi informatici e diffonderlo nel modo più capillare possibile, per riportare integro il fascino delle storie perdute nei loro luoghi d’origine, non disdegnando di sperimentare l’avvincente incontro tra le antiche leggende e le nuove tecnologie.

DSC_0074 DSC_0077

Per qualcuno, di cui voglio ancora una volta sottolineare il profilo, è stata questa più di un aspettativa, rasentando l’occasione di riscatto ed è proprio Paolo Picchedda di cui avete più volte sentito parlare in questo sito.

Nella galleria vedrete moltissime sue immagini, è stata la persona più fotografata del giorno, ognuno ha voluto farsi il proprio ritratto accanto a Paolo Picchedda.

DSC_0076 DSC_0082

Il merito di averlo indotto nuovamente a varcare il mare e sbarcare sull’isola dell’Asinara da uomo libero è stato in origine di Antonio Canu, poi ripreso con enorme vigore da Vittorio Gazale che, da tempo, lo ha inserito a pieno titolo, nel bel volume “Le Carte Liberate” scritto con Stefano Tedde (ed. Carlo Delfino 2016) quale esempio vivente della possibilità di riscatto che il sistema penitenziario offre a tutti coloro che vogliono fruirne.

DSC_0086

DSC_0085Picchedda non si è mai ritratto dall’invito fatto da chiunque. I giornalisti presenti lo hanno intervistato e lui sorridendo, con pazienza ha risposto a tutte le domande, anche le più fantasiose, e quando ha potuto con un sorriso li ha congedati.

L’ho rivisto e sicuramente anche lui si è rivisto, mentre pascolava il suo gregge di pecore a Case Bianche e voltando l’acutissimo sguardo, scopriva il ciuffo del cinghiale spuntare dall’euforbia.

Paolo Picchedda si è sobbarcato un viaggio incredibile con i mezzi pubblici per giungere a questo appuntamento cui teneva in modo particolare.

DSC_0099 DSC_0102

Le ultime immagini lo ritraggono emozionato al porto di Cala d’Oliva che saluta l’imbarcazione che riporta il gruppo degli invitati al porto di Stintino.

AAA_5456Anche le Guide esclusive del Parco hanno espresso il loro assenso incondizionato per l’importante opera pur lasciando trapelare il rimpianto per uno scarso coinvolgimento che si sarebbe potuto realizzare, così da trasferire loro, anche nella fase di realizzazione dell’Osservatorio, tutte quelle sensazioni e quelle emozioni che hanno provato coloro che lo hanno allestito.

Oltre a voler riconoscere i meriti del gruppo che si sono impegnati in questa difficile impresa (mi vorranno scusare coloro che ho dimenticato e sono tantissimi) credo di poter esprimere a nome di tutte le persone che ci seguono e si dichiarano profondamente ammalate d’Asinara, l’impegno formale a far in modo che questa importante realizzazione per il Parco, come per noi, possa essere integrata, registrare nuove installazioni, riuscendo sviluppare tutte quelle potenzialità che conserva al suo interno.

Il visitatore potrà a quel punto essere condotto, per mano, all’interno di una realtà, una volta lontana.

grazie Fabio.
Carlo

carlo hendel

Carlo nasce nei primi mesi del '50 e trascorre la sua infanzia a Roma, nella zona centrale della capitale, a “due minuti a piedi” da Piazza di Spagna. Di padre polacco e con la mamma abruzzese, Carlo aveva un fratello in Polonia, ed ha tre sorelle: una in Polonia e due in Italia. All'età di 22 anni si trasferisce nel paesino abruzzese di Barete e vi svolge attività libero-professionale per circa dieci anni. Consegue la nomina, da parte del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Direzione Agrozootecnica della Casa di Reclusione dell'Asinara, evento che lo farà incontrare con l'isola e con la Sardegna. Vive e lavora con passione all’Asinara, per circa cinque anni, dal 1982. Alla vigilia della trasformazione dell’isola in Parco, partecipa come coautore, al volume “ASINARA” Storia, natura, mare e tutela dell’ambiente (Delfino Editore 1993) curato da A. Cossu, V. Gazale, X. Monbaillu e A. Torre, per la parte riguardante la Storia agricola e l’ordinamento carcerario. ------------------------------------------------------------------------------ L'Asinara non sarà più dimenticata. Blogger dal 2000 sotto vari pseudonimi, e con svariati blog. Nel 2007 pubblica una nota "L'Asinara - La storia scritta dai vincitori" con la quale, per la prima volta, rivendica per l'isola il suo "diritto inalienabile alla storia". Nel 2016 pubblica questo portale personale investendo notevoli energie e risorse solo con l'intento divulgativo e per testimoniare la storia dell'isola senza preconcetti o preferenze, per tutti i periodi e le vicissitudini attraversati dall'Asinara. Prosegue la sua attività lavorativa prima a Castelfranco Emilia (MO), poi a Roma (D.A.P.) ed infine a Viterbo ove maturerà il tempo della agognata quiescenza. All'età di 59 anni la sua vita cambia in modo importante, ma non è questa la sede propria di siffatta narrazione. -------------------------------------------------------------------------------------- Si definisce, da sempre, un ecoagricoltore e ancora oggi, produce olio biologico extravergine di oliva per autoconsumo, coltiva il suo orto con metodi esclusivamente naturali ed alleva animali da cortile. Carlo spesso ama dichiarare di aver avuto cinque o sei vite, ora ha due splendidi nipotini ed un diavolo per capello! Il resto lo lasciamo ai posteri......

Scrivi il tuo commento