Home / Cultura ed Arte / Pittura / L’artista Aldo Caròn
1271875_10200377610912163_1796945502_o

L’artista Aldo Caròn

Il Cristo dei rottami.

I turisti e gli amici che dovessero recarsi all’Asinara per una gita di piacere, potranno visitare la piccola chiesa di Cala D’Oliva dedicata a “Maria Immacolata Concezione” dove potranno ammirare, dietro l’altare, l’opera attribuita ad Aldo Caròn (l’artista nasce a Pove del Grappa nel 1919 e muore a Borgo Valsugana, 07.09 2006).

Aldo Caron - Cristo dei Rottami (foto M.R. Massidda)

Aldo Caron – Cristo dei Rottami (foto M.R. Massidda)

testo mrmassidda

Dall’ormai famoso testo “Asinara” di Nino Giglio (Rebellato Ed. 1974) prendiamo alcune note sull’artista Prof. Aldo Caron che ha realizzato all’Asinara varie opere, in particolare sculture realizzate con i materiali più vari tra i quali il ferro.

Il Prof. Aldo Caron è uno degli scultori europei più interessanti ed apprezzati per la bellezza delle opere, tutte caratterizzate da vibrante, penetrante incisività ed ispirate alla natura nella sua dinamica e perciò stesso alla vita…..

Ed è, nel contempo un sentimentale che, anche dalla materia più arida, è capace di trarre motivo ed ispirazione di poesia…

e conclude

E’ facile comprendere come un “soggetto” del genere che, fra l’altro, è anche un subacqueo di valore – non appena conosciuta l’Asinara, se ne sia profondamente innamorato”.

Caròn Aldo. – Scultore italiano. Ha studiato a Milano. Solo dopo meditate ricerche e soluzioni formali si è indirizzato verso

Aldo Caron (particolare)

Aldo Caron (partic. foto Massidda)

l’astratto, conservando tuttavia rigore e solidità anche là dove i principi di statica tradizionali vengono completamente capovolti (Urgenza di spazio, 1963; Motivo verticale, 1963). Ha partecipato a innumerevoli rassegne espositive, tra le quali la mostra antologica che nel 1992 gli ha dedicato la Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento.

Sono molto lieto di ringraziare oltre che il figlio dell’artista anche Marina Rita Massidda che ha permesso la riproposizione delle sue descrizioni dell’opera di Aldo Caron e nel contempo anche delle sue immagini in occasione dell’inaugurazione (evento dell’anno 2014) della mostra fotografica permanente in Cala Reale, relativa alla famiglia Massidda che tanto ha contribuito allo sviluppo dell’Asinara, così come noi la conosciamo.

 

Marina Rita Massidda all'interno della chiesa nel 2014 alle sue spalle il Cristo dei rottami di Aldo Caron.

Marina Rita Massidda all’interno della chiesa nel 2014 alle sue spalle il Cristo dei rottami di Aldo Caron.

 

Ringrazio anche il figlio di Aldo Caron il Sig  Giovanni che è stato immortalato nel citato testo di Nino Giglio con una preda, di discrete dimensioni, pescata dal padre

 

10527318_10203574454395162_3841090043234326404_n

 

Le impressioni di una bimba (23 maggio 2018)

Il “Cristo dei rottami” è un’opera che ai tempi non fu capita ed apprezzata proprio da tutti, soprattutto da coloro che facevano fatica a discostarsi dalla iconografia classica.

Da bambina provavo istintivamente simpatia per quel Cristo “stortignaccolo” che alcuni definivano “brutto” e forse già intuivo la volontà di rappresentare così direttamente la sofferenza del Cristo in croce, nella scelta della durezza del materiale utilizzato, in quell’immagine spezzata dal dolore, fatta di rottami riportati in vita pur raffiguranti la dolorosa morte, costruita da mani che altrettanto conoscevano una difficile condizione, guidate dalla visione profonda di un artista che, a tutta quella sofferenza, ha ridato invece una speranza ed una continuità affrancata dalla morte.

E il Cristo è ancora lì, a testimoniarlo.
.                                                                      Lucia

 

 

Di seguito le parole in risposta di Giovanni Caron (figlio dell’autore dell’opera):

Cara Lucia,
che bei ricordi e che riflessione profonda!
L’arte è così, non è una speculazione intellettuale, ma comunica il suo messaggio alle persone sensibili in modo diretto senza bisogno di spiegazioni.
E il tuo racconto delle sensazioni che provavi da bambina è per me emozionante.

.                                                                Giovanni

 

 

carlo hendel

Carlo nasce nei primi mesi del '50 e trascorre la sua infanzia a Roma, nella zona centrale della capitale, a “due minuti a piedi” da Piazza di Spagna. Di padre polacco e con la mamma abruzzese, Carlo aveva un fratello in Polonia, ed ha tre sorelle: una in Polonia e due in Italia. All'età di 22 anni si trasferisce nel paesino abruzzese di Barete e vi svolge attività libero-professionale per circa dieci anni. Consegue la nomina, da parte del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Direzione Agrozootecnica della Casa di Reclusione dell'Asinara, evento che lo farà incontrare con l'isola e con la Sardegna. Vive e lavora con passione all’Asinara, per circa cinque anni, dal 1982. Alla vigilia della trasformazione dell’isola in Parco, partecipa come coautore, al volume “ASINARA” Storia, natura, mare e tutela dell’ambiente (Delfino Editore 1993) curato da A. Cossu, V. Gazale, X. Monbaillu e A. Torre, per la parte riguardante la Storia agricola e l’ordinamento carcerario. ------------------------------------------------------------------------------ L'Asinara non sarà più dimenticata. Blogger dal 2000 sotto vari pseudonimi, e con svariati blog. Nel 2007 pubblica una nota "L'Asinara - La storia scritta dai vincitori" con la quale, per la prima volta, rivendica per l'isola il suo "diritto inalienabile alla storia". Nel 2016 pubblica questo portale personale investendo notevoli energie e risorse solo con l'intento divulgativo e per testimoniare la storia dell'isola senza preconcetti o preferenze, per tutti i periodi e le vicissitudini attraversati dall'Asinara. Prosegue la sua attività lavorativa prima a Castelfranco Emilia (MO), poi a Roma (D.A.P.) ed infine a Viterbo ove maturerà il tempo della agognata quiescenza. All'età di 59 anni la sua vita cambia in modo importante, ma non è questa la sede propria di siffatta narrazione. -------------------------------------------------------------------------------------- Si definisce, da sempre, un ecoagricoltore e ancora oggi, produce olio biologico extravergine di oliva per autoconsumo, coltiva il suo orto con metodi esclusivamente naturali ed alleva animali da cortile. Carlo spesso ama dichiarare di aver avuto cinque o sei vite, ora ha due splendidi nipotini ed un diavolo per capello! Il resto lo lasciamo ai posteri......